L’esperienza a Nizza – Erasmus+ “Step by Step”

8 docenti del Majorana  hanno partecipato ad un corso a Nizza sull'integrazione di creatività e innovazione nella pratica didattica. 

All’interno del progetto di mobilita Erasmus + “Step by Step” 8 docenti dell’istituto Majorana nella settimana tra il 15-20 maggio 2023  hanno partecipato ad un’attività di formazione presso la Teacher Academy di Europass  a Nizza, Francia.
Focus della formazione, erogata in lingua inglese e agita in un contesto internazionale di discenti europei, è stata l’integrazione di creatività e innovazione nella pratica didattica.
Il corso è stato ben bilanciato tra accenni alle teorie dell’apprendimento collaborativo, una fra tutte, le intelligenze multiple di Gardener, e strategie efficaci da metter in campo nelle classi.
Le attività proposte hanno mostrato l’importanza di creare un clima in cui ci sia fiducia e non giudizio affichè ogni stile di apprendimento possa sentirsi sicuro di esprimersi, le soft skill valorizzate e la valutazione autentica, in una cornice di centralità di ogni studente.
La creatività è stata sollecitata durante ogni momento della formazione, con l’intento di acquisire competenza nella promozione del pensiero creativo, attraverso l’elicitazione e la proposta di attività basate sul modello a 5step del design thinking.
Dal momento che l’innovazione gioca un ruolo fondamentale nella progettazione didattica, durante il  corso sono state presentate le ultime novità circa le app più adatte per editare video, creare mappe concettuali e ideare ebook, per riflettere sull’impatto positivo che possono avere nel processo di apprendimento, se usate consapevolmente e con padronanza.
Nell’ottica dell’apprendimento permanente, alla base per una didattica di qualità, questa esperienza formativa ha contribuito al consolidamento delle competenze metodologiche dei docenti partecipanti, felici di poterle condividere con una platea più ampia di docenti dell’istituto attraverso attività di disseminazione e di aggiornamento interno.
Infine, come accade per ogni esperienza di mobilità, il valore aggiunto resta l’incontro con culture, lingue e prassi diverse dalle nostre, fonte di arricchimento personale in termini di consapevolezza e cittadinanza attiva.
della prof.ssa Valeria Andolfi